Il gatto nella ceramica attica

1466145_768318476516713_1856704066_n
Foto da ilsaggiolibro.it.
«Osservare un gatto è come assistere alla realizzazione di un’opera d’arte.»

E con questo pensiero di Oliver Herford introduciamo l’approfondimento di oggi: i gatti nella produzione vascolare attica!

Prendete spunto dai gatti: mettetevi comodi, rilassatevi e godetevi il post…tanto si sa, governano loro mica noi…

A differenza dell’Egitto, in Grecia e a Roma il gatto non godeva di grande considerazione.

Nel mito è presente solo come l’animale in cui Artemide si trasformò per sfuggire a Tifone e in letteratura è descritto come l’avversario mortale dei topi.

Concentriamoci sulla produzione vascolare attica…

Nell’Archivio Beazley sono presenti ben 13 esemplari su cui sono raffigurati i gatti, un record se pensiamo che alcuni personaggi del mito spesso non sono neanche presenti nell’iconografia antica.

In questo post li analizzeremo alcuni, in modo da apprezzarne la resa pittorica.

1. Un alabastron (contenitore per unguenti e profumi) a  fondo bianco, conservata Antikensammlung di Berlino (inv. F2257), attribuita al Brygos Painter e datata al 500-475 a.C.:

gatto_1.JPG
Foto da Archivio Beazley.

2. Una squat lekythos del 425-375 a.C., conservata al Wurttembergisches Landesmuseum (inv. 127):

gatto_2.jpg
Foto da Archivio Beazley.

3. Una chous del 450-400 a.C., conservata al Staatliches Lindenau-Museum di Altenburg (inv. 255):

gatto_3.jpg
Foto da Archivio Beazley.

4.Un alabastron del British Museum (inv. B672) del 525-475 a.C:

gatto-4
Foto da Archivio Beazley.

5. una kylix del 475-425 a.C. di una collezione privata in Svizzera (ARV² 866.1):

gatto 5.jpg
Foto da Archivio Beazley.

6. Un askos a forma di chela del Pittore di Pentesilea (lo stesso del logo di questo blog!) del 475-425 a.C. e conservato al British Museum (inv. 1905.710.9):

gatto 6.jpg
Foto da Archivio Beazley.

7. Una lekythos del Gruppo di Capodimonte con scena di corteggiamento (Paralipomena 214.5):

gatto 7.jpg
Foto da Archivio Beazley.

8.Una pyxis del Pittore di Bologna 417, conservata all’Antikensammlung di Berlino (inv. F2517), datata al 475-425 a.C. e che mostra ben quattro gatti, due dei quali, ancora piccini, si arrampicano  su dei candelabri, di cui uno è stato già fatto cadere:

gatto 8.jpg
Foto da Archivio Beazley.
Che altro dire se non… buon miao a tutti, ci vediamo al prossimo post!

Che ne pensi di queste opere? ti è piaciuto questo articolo? vuoi condividere con me e gli altri utenti un tuo pensiero o un approfondimento? hai qualche curiosità in particolare?

Non aspettare: commenta questo post!

Ti sei perso qualche articolo? Nessun problema, vai sulla pagina Schema articoli del blog e cerca il mito o l’approfondimento che più ti interessa tra quelli già pubblicati… buona lettura!

 

Tutti i diritti riservati. È assolutamente vietata qualsiasi forma di riproduzione parziale o totale del testo e delle immagini di questo sito.

SalvaSalva

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *