Dafne. La ninfa, l’amore (?) e l’alloro

dafne.jpg
Gemma in corniola, inv. T155. Apollo, sul fiume Peneo, insegue Dafne. La metamorfosi in alloro è già in atto. Foto da Archivio Beazley.

Le ninfe… creature di una bellezza e grazia talmente irresistibili da essere oggetto della bramosia amorosa persino degli dei. Il mito è pieno di storie accattivanti ma, allo stesso tempo, tristi: conosciamo già i miti delle ninfe Siringa e Menthe, oggi scopriamo insieme quello di Dafne…

Sì, hai letto bene, “storie accattivanti ma tristi”. Perché?

Smonto un mito sugli amori del mito (perdona il gioco di parole): sono quasi tutti abusi che gli dei o gli uomini perpetuavano ai danni delle donne e delle ninfe.

Quando si legge, ad esempio, “Apollo si era innamorato di Dafne” o “Pan si era invaghito di Siringa” cerchiamo di dare la giusta interpretazione. La definizione corretta è, infatti, stupro. Parola forte, lo so. Lo schema del mito è semplice: l’assalitore incontra per la prima volta la sua vittima, la vuole possedere, lei scappa e chiede di essere trasformata per non essere violentata. Finisce bene? Non sempre… Non esiste romanticismo, né grazia, né virtù cavalleresca.

Oggi parliamo di uno di questi miti.
Dafne era una ninfa, figlia di Gea (la Terra) e di un fiume, Ladone o Peneo.

Amante della caccia e della vita nei boschi, era di una bellezza fuori dal comune, tanto da essere vittima della bramosia del dio Apollo. Durante l’inseguimento, pregò il padre affinché la trasformasse e fu così che subì la metamorfosi nella pianta dell’alloro.

Esiste una variante del mito secondo cui furono due i pretendenti alla sua virtù: Apollo e Leucippo, figlio del re di Elide Enomao. Quest’ultimo se ne innamorò e, per avvicinarla, indossò abiti femminili e si unì al gruppo delle ninfe di cui faceva parte Dafne. Il loro rapporto divenne sempre più stretto e così Apollo, geloso perché la ninfa era sul punto di ricambiare l’amore del giovane, ispirò nelle fanciulle il desiderio di fare un bagno. Leucippo fu scoperto e aggredito dalle ninfe con delle lance, ma gli dei lo salvarono rendendolo invisibile. Apollo alloro approfittò della confusione per rapire Dafne, ma lei, grazie all’esaudirsi della sua preghiera a Zeus, fu trasformata in alloro.

Diciamo la verità: Apollo comunque non ne esce pulito! Cuori infranti, dolore e amori mancati…
Da quel momento la pianta di alloro divenne sacra ad Apollo ed ecco perché è uno degli attributi iconografici del dio.
In scultura tutti conosciamo lo splendido gruppo scultoreo del Bernini.
apollo-e-dafne
Gian Lorenzo Bernini, Apollo e Dafne (1622-1625). Foto da studiarapido.it.
Di epoca romana, invece, è la cosiddetta Dafne “Borghese”, opera in marmo di un anonimo scultore degli inizi del I secolo d.C., forse copia di un esemplare di epoca ellenistica.
csm_dafimm01_01_cec2fd7886
Dafne “Borghese”. Inizi I secolo d.C. Foto da iconos.it.
Nell’archivio Beazley troviamo solo un esemplare vascolare inerente al mito. Esso in realtà non mostra alcun attributo riferibile a Dafne, infatti vi è rappresentata solo una scena di inseguimento tra Apollo e una donna, in genere identificata come la ninfa.
dafne 4
Ashby Painter, kylix ARV²  455.9 (500-450 a.C.). Foto da Archivio Beazley.
Spiccano, invece, le meravigliose gemme.

Vediamo alcune:

dafne 2.jpg
Gemma in corniola, inv. T819. Foto da Archivio Beazley.
dafne 3.jpg
Gemma in corniola, inv. 1839-2452. Nota come l’alloro è già attributo del dio. Ne tiene una corona in mano e i rami adornano i bracci della sua lira, attributo del dio. Foto da Archivio Beazley.
dafne_1
Gemma in corniola, inv. T156. Apollo accarezza un ramo dell’albero. Da notare la lira, attributo del dio, e , sulla destra, la personificazione del fiume Peneo. Foto da Archivio Beazley.
In ambito culinario, infine, ho trovato due ricette dell’antica Roma interessanti e in cui l’alloro è protagonista:
  • il Porcellum laureatum (il maiale laureato), ricetta del famoso gastronomo Apicio, secondo la quale il maiale era arrostito con rami di alloro.
  • il Libum, la cui ricetta è tramandata da Catone. Esso è una sorta di focaccia preparata con il formaggio di pecora e cotta al forno su foglie di alloro.  Era offerto durante i sacrifici o era dedicato a Giove nelle cerimonie nuziali. Virgilio consiglia di mangiarlo caldo e col miele.
Certo, se poi c’è qualcuno di voi disposto a preparami il Libum, io “no” mica lo dico!
Followers, ai fornelli!

 

Che ne pensi di queste opere? ti è piaciuto questo articolo? vuoi condividere con me e gli altri utenti un tuo pensiero o un approfondimento? hai qualche curiosità in particolare?

Non aspettare: commenta questo post!

Ti sei perso qualche articolo? Nessun problema, vai sulla pagina Schema articoli del blog e cerca il mito o l’approfondimento che più ti interessa tra quelli già pubblicati… buona lettura!

 

Tutti i diritti riservati. È assolutamente vietata qualsiasi forma di riproduzione parziale o totale del testo e delle immagini di questo sito.
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.